L’Eco di San Carlo

Scarica il pdf

 

n. 20 – Domenica,  10 Giugno 2018

 

L’editoriale

Che bella domenica!

 

 

 

Domenica 27 maggio, erano una cinquantina (con le ultime defezioni causa febbre) sul treno che portava a Lodi: erano soci della Piccola Fraternità, amici e persone beneficiarie del pacco alimentare; andavano in pellegrinaggio a Lodi al Santuario della Madonna delle Grazie e poi han visitato la città: una partecipazione al di sopra delle aspettative. E, sorpresa!, la maggioranza delle persone erano quelle a cui viene donato il pacco alimentare: c’erano con i bambini (che si son divertiti un mondo in piazza dove avveniva una curiosa manifestazione di polizia, pompieri, carabinieri, artificieri). Significa che le persone non hanno solo bisogno di cibo, ma di sentirsi accolti, coinvolti e partecipi di un’esperienza, non oggetto della nostra carità ma parte viva di una comunità.

Tempo bello, belle le chiese dell’Incoronata, del Duomo e del Santuario, bella la passeggiata lungo l’Adda, bella la compagnia: una bellissima giornata!

E la bellezza, soprattutto per gli stranieri e per chi non è abituato a visitare luoghi sacri, pone delle domande, delle curiosità e suscita stupore e meraviglia: “Non abbiamo mai visto così tanta bellezza, noi non abbiamo chiese così belle nei nostri Paesi!”, han detto. Domande sul significato dei quadretti e cuoricini vicino alla statua di Santa Francesca Cabrini, e “Chi sono i Santi? e i Martiri?”, “Allora anche noi possiamo rivolgerci a questi Santi e chiedere grazie!” dicevano sorpresi e grati.

“Queste belle uscite ci fanno alzare lo sguardo, altrimenti saremmo sempre immersi e chiusi nei nostri problemi e preoccupazioni”. Che soddisfazione ascoltare questi commenti.

Magari non tutti han capito tutte le spiegazioni della guida (che pure è stata semplice nel linguaggio e precisa nei particolari), ma hanno colto alcune verità e bellezze della nostra Fede. La testimonianza e l’evangelizzazione passano anche attraverso questi gesti semplici.

Grazie, Signore, per la bella esperienza.

Laura