L’ eco di San Carlo – Domenica 27 Aprile 2014

Scarica la versione pdf premendo qui pdf (537KB)

Intestazione ECO Verde

humilitasL’editoriale
Che grandi Papi!
Oggi a Roma vengono dichiarati santi due papi, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II.
Sono nato mentre era Papa Pio XII, Eugenio Pacelli (1939-58); gli successe Angelo Roncalli, Giovanni XXIII (1958-63); poi Giambattista Montini, Paolo VI (1963-78); Albino Luciani, Giovanni Paolo I (1978); Karol Vojtyla, Giovanni Paolo II (1978-2005), Joseph Ratzinger, Benedetto XVI (2015-13); ed ora Jorge Mario Bergoglio, Papa Francesco. Non solo l’attuale Papa Francesco ma tutti sono stati grandi e santi. Ho immagini scolpite nella mente: Pio XII con le braccia aperte come un crocifisso sulle rovine di Roma dopo i bombardamenti; Giovanni XXIII che indice il concilio ed esce da Roma; e Paolo VI che conduce la chiesa nel travagliato postconcilio guidato solo dalla fedeltà a Cristo e dall’amore vero per l’uomo. Degli altri abbiamo tutti ricordi personali.
E quanta sofferenza personale. Penso a Paolo VI abbandonato da molti che prima lo osannavano e poi gli hanno apertamente disobbedito. Penso all’attentato a Giovanni Paolo II. Penso all’opposizione a Benedetto XVI descritto come chiuso e autoritario, mentre non so se esista una persona intelligente, umile e aperta più di lui.
Persone che han dato e danno fastidio al mondo: quante false accuse a Pio XII per il suo presunto antisemitismo, mentre di fatto ha salvato una quantità enorme di ebrei; quante derisioni (anche in ambito ecclesiale) su Paolo VI; quante trame per fermare quel buldozer di Giovanni Paolo II che ha contribuito al crollo del comunismo e ha riproposto la fede ai giovani; quanti tentativi di sminuire la profondità intellettuale e la santità di Benedetto XVI!
Sono Papi che hanno posto l’amore di Gesù Cristo e della chiesa prima di ogni soggezione agli idoli mondani, e perciò hanno guidato la cristianità ad amare l’uomo.
Ora due di loro sono proclamati santi. Siamo grati allo Spirito Santo che ci fa questo dono. Impariamo da loro a vivere con entusiasmo la nostra fede e con lo stesso entusiasmo a testimoniarla al mondo.
Don Giovanni

PAROLA DEL PAPA 
PAPACari fratelli e sorelle, buongiorno!
Buona Pasqua! “Cristòs anèsti! – Alethòs anèsti!”, “Cristo è risorto! – E’ veramente risorto!”. E’ fra noi, qui, in piazza! In questa settimana possiamo continuare a scambiarci l’augurio pasquale, come se fosse un unico giorno. È il grande giorno che ha fatto il Signore.
Il sentimento dominante che traspare dai racconti evangelici della Risurrezione è la gioia piena di stupore, ma uno stupore grande! La gioia che viene da dentro! E nella Liturgia noi riviviamo lo stato d’animo dei discepoli per la notizia che le donne avevano portato: Gesù è risorto! Noi lo abbiamo visto!
Lasciamo che questa esperienza, impressa nel Vangelo, si imprima anche nei nostri cuori e traspaia nella nostra vita. Lasciamo che lo stupore gioioso della Domenica di Pasqua si irradi nei pensieri, negli sguardi, negli atteggiamenti, nei gesti e nelle parole… Magari fossimo così luminosi! Ma questo non è un maquillage! Viene da dentro, da un cuore immerso nella fonte di questa gioia, come quello di Maria Maddalena, che pianse per la perdita del suo Signore e non credeva ai suoi occhi vedendolo risorto. Chi fa questa esperienza diventa testimone della Risurrezione, perché in un certo senso è risorto lui stesso, è risorta lei stessa. Allora è capace di portare un “raggio” della luce del Risorto nelle diverse situazioni: in quelle felici, rendendole più belle e preservandole dall’egoismo; in quelle dolorose, portando serenità e speranza.
In questa settimana, ci farà bene prendere il Libro del Vangelo e leggere quei capitoli che parlano della Risurrezione di Gesù. Ci farà tanto bene! Prendere il Libro, cercare i capitoli e leggere quello. Ci farà bene, in questa settimana, anche pensare alla gioia di Maria, la Madre di Gesù. Come il suo dolore è stato intimo, tanto da trafiggere la sua anima, così la sua gioia è stata intima e profonda, e ad essa i discepoli potevano attingere. Passato attraverso l’esperienza di morte e risurrezione del suo Figlio, viste, nella fede, come l’espressione suprema dell’amore di Dio, il cuore di Maria è diventato una sorgente di pace, di consolazione, di speranza, di misericordia. Tutte le prerogative della nostra Madre derivano da qui, dalla sua partecipazione alla Pasqua di Gesù. Dal venerdì al mattino di domenica, Lei non ha perso la speranza: l’abbiamo contemplata Madre addolorata ma, al tempo stesso, Madre piena di speranza. Lei, la Madre di tutti i discepoli, la Madre della Chiesa, è Madre di speranza.
A Lei, silenziosa testimone della morte e della risurrezione di Gesù, chiediamo di introdurci nella gioia pasquale. Lo faremo con la recita del Regina Caeli, che nel tempo pasquale sostituisce la preghiera dell’Angelus.
(PAPA FRANCESCO REGINA COELI Piazza San Pietro Lunedì dell’Angelo, 21 aprile 2014)

La Parrocchia propone

  • Martedì 29 aprile uscita della 3a età a Chiaravalle. Pullman da S. Carlo alle 14.20.
  • Mercoledì 30 aprile ore 20.45 veglia di preghiera per i lavoratori con il Cardinale alla stazione Centrale.
  • Giovedì 1 maggio la messa è alle ore 9.30.
  • Mese maggio: iniziamo il 2 maggio con il rosario in via Bollate 75 alle ore 21.15.
  • Venerdì 2 maggio incontro adolescenti-giovani di S. Carlo: messa alle 18.15, cena …
  • Sabato 3 maggio incontro 2-3 media della città.
  • Sabato 3 maggio dopo la messa concerto: “Il pianoforte dell’epoca moderna” con Davide Campanella
  • Sabato 3 e domenica 4 maggio c’è la raccolta alimenti per il Banco di Solidarietà.
  • Sabato 3 e domenica 4 maggio viene tra noi padre Alcuin a cercare aiuti per la chiesa di Lizaboni in Tanzania.
  • Domenica 4 maggio alle 14.30 c’è il ritiro per i ragazzi della Prima Comunione.
  • A Cormano a metà maggio c’è la Fiera dell’usato donato a favore di AVSI: ci chiedono di offrire l’usato. Vedi pieghevoli in atrio.
  • Domenica 18 maggio c’è la giornata del malato.
  • Giovedì 22 maggio pellegrinaggio a Caravaggio: 18.45 partenza, 20.30 Rosario e Messa. Iscriversi sul foglio in atrio. € 10 per il pullman da versare in segreteria.
  • Sono pronti i volantini per l’iscrizione all’oratorio estivo. Gli educatori dell’oratorio estivo S. Carlo, oltre a venerdì 2 maggio alle 18.15 (messa, incontro, cena …), si incontrano al S. Luigi i lunedì 12 e 19 maggio ore 18.30-20; occorre ritirare il foglio iscrizione e parlare con don Giovanni.
  • Le iscrizioni alle vacanze estive per 3a-5a elementare, medie, adolescenti si sono chiuse. I ritardatari si affrettino.
  • In atrio ci sono abbondanti kit delle “misericordine” (sponsorizzati anche da Papa Francesco!): prendetene per voi o per altri lasciando un’offerta (minimo € 2 ciascuna) che useremo per carità.

Giovedì 8 maggio il cardinale ci chiama tutti in p.za duomo per le 21: “Venite a vedere questo spettacolo”:  Musica, teatro, arte, letteratura, testimonianze, preghiera, intorno alla Croce con la Reliquia del Santo Chiodo. Teniamo libera la sera. Si va autonomamente.

 Il 5 per mille
Codici Fiscali di alcuni enti – Invitiamo gli interessati  a segnalarci eventuali  inesattezze

Piccola Fraternità (nostro banco di solidarietà)      97032880151
Associazione sportiva “S. Carlo Humilitas”(nostro oratorio)                    97412160158
Scuola materna Giovanni XXIII, Novate           03574730150
La Tenda onlus, Novate                    97269160152
Banco Alimentare (raccolta alimentari in Italia)                    97075370151
Unitalsi           04900180581
Cooperativa dei fiori, Bresso 04074390156
Associazione Giovanni Testori 12635680155
AVSI 81017180407

Fondo Diocesano Famiglia Lavoro: fase 2

  • Per sostenere la formazione e la riqualificazione.
  • Microcredito per famiglie in difficoltà o per avvio di micro imprese.
  • Accompagnamento e formazione per fare impresa.
  • Contributi a fondo perso per chi ha perso tutto.

 

Contattare la Caritas locale, p.za della Chiesa, martedì e venerdì ore 10-12; giovedì 14.30-17, telefono 3295432961

Nuovi contributi al fondo: fai la tua donazione ad “Arcidiocesi di Milano”, causale “Fondo Famiglia-Lavoro” (IBAN: IT03Z0351201602000000002405 o CCP: 312272) (vedi anche www.fondofamiglialavoro.it  tel 0258431212)

La Caritas propone (sala parrocchiale, p.za della Chiesa, Novate M., tel. 3295432961):
CENTRO DI ASCOLTO  martedì e venerdì ore 10-12;  giovedì  ore 14.30-17
CENTRO LAVORO per chi cerca occupazione, per chi offre posti lavoro martedì e venerdì ore 10-12;  giovedì  ore 14.30-17 e ore 20

Per gli avvisi della settimana vedere gli AVVISI

This entry was posted in Archivio Eco di San Carlo. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post. Both comments and trackbacks are currently closed.