L’ eco di San Carlo – Domenica 30 Marzo 2014

Scarica la versione pdf premendo   qui pdf  (548KB)

intestazione eco viola

humilitas

L’editoriale – Donacibo
Via Brodolini, Orio Vergani … una scuola dopo l’altra partecipa al progetto “Donacibo” promosso dalla “Piccola Fraternità”, il nostro Banco di Solidarietà: i ragazzi portano, durante la settimana, alimenti non deperibili destinati alle 120 famiglie novatesi in difficoltà.
Esito meraviglioso: raccolti (alle medie) 672 prodotti pari a 267 kg di alimenti; e alcuni ragazzi disponibili ad aiutarci in altre attività: “una grande esperienza per noi ma anche per loro”, dicono i volontari. E han detto i ragazzi:
“Alcuni nostri compagni hanno provato fatica e hanno avuto la schiena distrutta per il continuare a piegarsi per raccogliere gli alimenti, ma nello stesso tempo anche la felicità di aiutare persone più sfortunate di noi”.
“Secondo noi, questo progetto è una cosa molto importante, perché possiamo aiutare le persone che sono seriamente in difficoltà. Ogni giorno il nostro Paese è seriamente in crisi, e molte persone non riescono a dar da mangiare ai propri figli, ma fortunatamente una soluzione c’è, appunto il “Donacibo”. Alla fine, basta un piccolo gesto per rendere molte persone felici, ed è questo che conta”.
“In questa settimana, noi ragazzi abbiamo capito come la povertà sia comune anche nella nostra piccola città.”
“Questa iniziativa aiuta a capire cosa significa incontrare e amare l’altro nel segno della gratuità”.
“Attraverso quest’esperienza abbiamo compreso l’importanza del volontariato, tanto che, alcuni di noi si sono interessati così tanto che hanno chiesto di partecipare direttamente al Banco offrendosi per preparare i pacchi e fare l’inventario dei prodotti raccolti”.
L’esperienza “Donacibo” sta continuando anche nelle altre scuole e sta dando grandi risultati come raccolta e come gesto educativo. Una bimba, fuori da scuola dice alla mamma: “Mamma non darmi la merenda oggi, mangio la mela che ho avanzato oggi in mensa. Stamattina delle signore ci hanno detto che non bisogna buttare nulla perché c’è chi non ha da mangiare”.
Ringraziamo la Provvidenza per questo segno di speranza.
la Piccola Fraternità

PAROLA DEL PAPA
Cari fratelli e sorelle buongiorno!

PAPAIl Vangelo di oggi ci presenta l’incontro di Gesù con la donna samaritana, avvenuto a Sicar, presso un antico pozzo dove la donna si recava ogni giorno per attingere acqua. Quel giorno, vi trovò Gesù, seduto, «affaticato per il viaggio» (Gv 4,6). Egli subito le dice: «Dammi da bere» (v. 7). In questo modo supera le barriere di ostilità che esistevano tra giudei e samaritani e rompe gli schemi del pregiudizio nei confronti delle donne. La semplice richiesta di Gesù è l’inizio di un dialogo schietto, mediante il quale Lui, con grande delicatezza, entra nel mondo interiore di una persona alla quale, secondo gli schemi sociali, non avrebbe dovuto nemmeno rivolgere la parola. Ma Gesù lo fa! Gesù non ha paura. Gesù quando vede una persona va avanti, perché ama. Ci ama tutti. Non si ferma mai davanti ad una persona per pregiudizi. Gesù la pone davanti alla sua situazione, non giudicandola ma facendola sentire considerata, riconosciuta, e suscitando così in lei il desiderio di andare oltre la routine quotidiana. Quella di Gesù era sete non tanto di acqua, ma di incontrare un’anima inaridita. Gesù aveva bisogno di incontrare la Samaritana per aprirle il cuore: le chiede da bere per mettere in evidenza la sete che c’era in lei stessa. La donna rimane toccata da questo incontro: rivolge a Gesù quelle domande profonde che tutti abbiamo dentro, ma che spesso ignoriamo. Anche noi abbiamo tante domande da porre, ma non troviamo il coraggio di rivolgerle a Gesù! La Quaresima, cari fratelli e sorelle, è il tempo opportuno per guardarci dentro, per far emergere i nostri bisogni spirituali più veri, e chiedere l’aiuto del Signore nella preghiera. L’esempio della Samaritana ci invita ad esprimerci così: “Gesù, dammi quell’acqua che mi disseterà in eterno”. Il Vangelo dice che i discepoli rimasero meravigliati che il loro Maestro parlasse con quella donna. Ma il Signore è più grande dei pregiudizi, per questo non ebbe timore di fermarsi con la Samaritana: la misericordia è più grande del pregiudizio. Questo dobbiamo impararlo bene! La misericordia è più grande del pregiudizio, e Gesù è tanto misericordioso, tanto! Il risultato di quell’incontro presso il pozzo fu che la donna fu trasformata: «lasciò la sua anfora» (v. 28), con la quale veniva a prendere l’acqua, e corse in città a raccontare la sua esperienza straordinaria. “Ho trovato un uomo che mi ha detto tutte le cose che io ho fatto. Che sia il Messia?” Era entusiasta. Era andata a prendere l’acqua del pozzo, e ha trovato un’altra acqua, l’acqua viva della misericordia che zampilla per la vita eterna. Ha trovato l’acqua che cercava da sempre! Corre al villaggio, quel villaggio che la giudicava, la condannava e la rifiutava, e annuncia che ha incontrato il Messia: uno che le ha cambiato la vita. Perché ogni incontro con Gesù ci cambia la vita, sempre. E’ un passo avanti, un passo più vicino a Dio. E così ogni incontro con Gesù ci cambia la vita. Sempre, sempre è così. In questo Vangelo troviamo anche noi lo stimolo a “lasciare la nostra anfora”, simbolo di tutto ciò che apparentemente è importante, ma che perde valore di fronte all’«amore di Dio». Tutti ne abbiamo una, o più di una! Io domando a voi, anche a me: “Qual è la tua anfora interiore, quella che ti pesa, quella che ti allontana da Dio?”. Lasciamola un po’ da parte e col cuore sentiamo la voce di Gesù che ci offre un’altra acqua, un’altra acqua che ci avvicina al Signore. Siamo chiamati a riscoprire l’importanza e il senso della nostra vita cristiana, iniziata nel Battesimo e, come la Samaritana, a testimoniare ai nostri fratelli. Che cosa? La gioia! Testimoniare la gioia dell’incontro con Gesù, perché ho detto che ogni incontro con Gesù ci cambia la vita, e anche ogni incontro con Gesù ci riempie di gioia, quella gioia che viene da dentro. E così è il Signore. E raccontare quante cose meravigliose sa fare il Signore nel nostro cuore, quando noi abbiamo il coraggio di lasciare da parte la nostra anfora.

Fonte Vatican.va: Papa FRANCESCO, ANGELUS, Piazza San Pietro, III Domenica di Quaresima, 23 marzo 2014

 

La Parrocchia propone

  • Oggi, 29-30 marzo, l’Unitalsi vende l’ulivo sul sagrato a sostegno dell’associazione.
  • Nelle domeniche di quaresima i ragazzi ritirino il tagliandino a fine messa.
  • Tutte le domeniche dalle ore 15 attesi i ragazzi per giochi e attività.
  • Mercoledì 2 aprile ritiro 3a età a Rho: pullman da S. Carlo alle 8.20.
  • Mercoledì 2 aprile alle ore 14.30 si recita il rosario in cappellina.
  • Mercoledì 2 aprile alle 21 al bar scuola di comunità gruppo Marzona.
  • Sabato 5 e domenica 6 aprile c’è la raccolta alimenti per il Banco di Solidarietà.
  • Domenica 6 aprile l’Azione Cattolica propone un ritiro per famiglie a Saronno (ist. Monti) ore 9-17.
  • Domenica 13 aprile: alle 11.10 processione delle palme, Messa, ulivo ai malati; alle 15 Via Crucis e Coro ragazzi
  • Affrettare iscrizioni a Lourdes: 8-14 maggio in treno; 9-13 in aereo.
  • Affrettare le iscrizioni alle vacanze estive per 3a-5a elementare, medie, adolescenti.
  • Invitiamo a portare in parrocchia gli sfalci di ulivo, per la Domenica delle Palme.

 

Via Crucis con il cardinale in duomo: ore 21

  • Martedì 1 aprile               “Padre, perdona loro”.
  • Martedì 8 aprule               “Oggi sarai nel paradiso”

Diretta: Telenova, canale 14; www.chiesadimilano.it; radio Marconi; radio Mater.
Replica: Telenova, 664: martedì 22.15, venerdì 21.00, sabato 15.00;   Telenova, 14: mercoledì 7.15;  dal mercoledì: www.chiesadimilano.it; www.angeloscola.it.
Libretto sussidio: “Lo spettacolo della Croce” nelle librerie religiose, € 2,60

Il 5 per mille (Codici Fiscali di alcuni enti, Invitiamo gli interessati a segnalarci eventuali inesattezze)
Piccola Fraternità (nostro banco di solidarietà)……………………97032880151
Associazione sportiva “S. Carlo Humilitas”(nostro oratorio)….97412160158
Scuola materna Giovanni XXIII, Novate…………………………….03574730150
La Tenda onlus, Novate……………………………………………………97269160152
Banco Alimentare (raccolta alimentari in Italia)……………………97075370151
Unitalsi………………………………………………………………………….04900180581
Cooperativa dei fiori, Bresso……………………………………………..04074390156
Associazione Giovanni Testori…………………………………………..12635680155
AVSI……………………………………………………………………………..81017180407

 

Quaresima
Preghiera
: in famiglia a sera e ai pasti; qualche messa feriale.
I venerdì di quaresima: magro [astinenza dalle carni, dai 14 anni, ma è bene anche prima per educare].
Via Crucis:

  • in S. Carlo ore 16.45 per ragazzi (venerdì 4, 11 aprile);
  • in S. Gervaso e Protaso ore 21 per adulti (venerdì 4, 11 aprile).

Quaresimale del venerdì:

  • in sala don Mansueto (S. Famiglia) ore 21: C’è ancora speranza in questo mondo?
  • venerdì 4 aprile: Sergio Morelli di Banca Etica, lavoro economia finanza e speranza.
  • giovedì 10 aprile: Paolo Curtaz, affetti dell’uomo e speranza.

[quindi i venerdì 4 aprile: o Via Crucis in S Gervaso e Protaso o quaresimale in S. Famiglia. Nulla in S. Carlo].

Gesto di carità: offerte per la ragazza del Kenya Jeptoo Diana, adottata a distanza; offerte per il Centro di produzione e trasformazione agro-pastorale di Katako, Kindu (Congo); alimentari per i poveri della città.

Confessioni pasquali (ore 21, con tutti i preti della città):

  • venerdì 11 aprile in S Carlo;
  • lunedì 14 per adolescenti-giovani in Ss. Gervaso e Protaso;
  • martedì 15 in S Famiglia;
  • mercoledì 16 in Ss. Gervaso e Protaso.

 

Gli avvisi della settimana sono stati inseriti nella pagina AVVISI

 

This entry was posted in Archivio Eco di San Carlo. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post. Both comments and trackbacks are currently closed.