L’ eco di San Carlo – Domenica 2 Febbraio 2014

Scarica la versione pdf premendo qui pdf (651KB)

Intestazione ECO Verde

Anno XIII – n°05
2 Febbraio 2014

Umilitas

L’editoriale

La dittatura avanza!

Fuoco a volontà contro la vita! abusi di embrioni, uteri in affitto, eugenetica … tutto è un diritto. Al delirio di onnipotenza umana, si aggiungono giudici ‘criminali’ (nel senso che impongono atti che la legge proibisce come reati): a godersela è una certa industria che sogna affari d’oro. Business, altro che libertà!
Nella vicina libera e laica Francia, un pediatra 84enne è condannato (non al carcere fino a due anni, forse per l’età) per “pressioni morali e psicologiche” contro l’aborto, in difesa della vita. I nuovi emendamenti alla legge francese, oltre a definire l’aborto un “diritto” per tutte le donne “che non desiderano portare a termine la gravidanza”, condannano anche chi ostacola psicologicamente quel diritto. Pubblicità di associazioni per la vita e loro presenza in strutture, volantini per riflettere, marce per la vita, persino gestire un sito pro vita: tutto è reato.
Qui non si tratta più di accettare un presunto minor male (ma uccidere un bambino sarebbe minore a che cosa?), o lasciare ad altri libertà di scelta (ma ci si può lavare le mani di fronte all’uccisione di vite nascenti?). Ma tu devi per forza pensarla come loro, o se non ci riesci, non puoi esprimere il tuo parere contrario! Vero reato d’opinione, nuovo delitto ideologico, l’ “abortofobia”. Ormai il meccanismo è lo stesso dell’ “omofobia”. L’ideologia sta uccidendo la libertà: siamo ancora in democrazia?
La recente giornata della memoria ci ha giustamente commosso di fronte all’orrore di cui l’uomo è capace. Ma perché questo grido non continua di fronte all’orrore (così l’ha chiamato il Papa) dell’uccisione della vita?
Io penso che non basti la pur giusta condanna. La condanna, da sola, tiene vive la memoria, ma non vince il male. E poi a volte nasce da una difesa di sé: il male è dell’altro, del nemico, che condanno; io sono innocente! Invece Gesù non condanna il nemico, ma lo ama come fratello e, prendendo su di sé quel male e vincendolo col suo amore, lo redime; e ci chiede di unirci in questa misericordiosa fraternità e di riconoscere che quel male assurdo e diabolico è anche dentro di noi “e noi tutti lo possiamo fare”. Gesù genera in noi una “fraternità” nuova, che sola è “radice della pace” (ci ha detto il Papa), che può ridarci libertà, ragione, amore.
Questa sì che è la giornata della vita!

don Giovanni

PAROLA DEL PAPA
Cari fratelli e sorelle buongiorno,PAPA
il Vangelo di questa domenica racconta gli inizi della vita pubblica di Gesù nelle città e nei villaggi della Galilea. La sua missione non parte da Gerusalemme, cioè dal centro religio-so, centro anche sociale e politico, ma parte da una zona periferica, una zona disprezzata dai giudei più osservanti, a motivo della presenza in quella regione di diverse popolazio-ni straniere; per questo il profeta Isaia la indica come «Galilea delle genti» (Is 8,23). E’ una terra di frontiera, una zona di transito dove si incontrano persone diverse per raz-za, cultura e religione. La Galilea diventa così il luogo simbo-lico per l’apertura del Vangelo a tutti i popoli. Da questo punto di vista, la Galilea assomiglia al mondo di oggi: compresenza di diverse culture, necessità di confronto e necessità di incontro. Anche noi siamo immersi ogni giorno in una “Galilea delle genti”, e in questo tipo di contesto possiamo spaventarci e cedere alla tentazione di costruire recinti per essere più sicuri, più protetti. Ma Gesù ci inse-gna che la Buona Novella, che Lui porta, non è riservata a una parte dell’umanità, è da comunicare a tutti. È un lieto annuncio destinato a quanti lo aspettano, ma anche a quanti forse non attendono più nulla e non hanno nemmeno la forza di cercare e di chiedere. Partendo dalla Galilea, Gesù ci insegna che nessuno è escluso dalla salvezza di Dio, anzi, che Dio preferisce partire dalla periferia, dagli ultimi, per raggiungere tutti. Ci insegna un metodo, il suo metodo, che però esprime il contenuto, cioè la mi-sericordia del Padre. «Ogni cristiano e ogni comunità discernerà quale sia il cammino che il Signore chiede, però tutti siamo invitati ad accettare questa chiamata. Uscire dalla propria comodità e avere il coraggio di raggiungere tutte le periferie che hanno bisogno della luce del Vangelo» (Esort. ap. Evangelii gaudium, 20). Gesù comincia la sua missione non solo da un luogo decentrato, ma anche da uomini che si direbbero, così si può dire, “di basso profilo”. Per scegliere i suoi primi discepoli e futuri apostoli, non si rivolge alle scuole degli scribi e dei dottori della Legge, ma alle persone umili e alle persone semplici, che si preparano con impegno alla venuta del Regno di Dio. Gesù va a chiamarli là dove lavorano, sulla riva del lago: sono pescatori. Li chiama, ed essi lo seguono, subito. Lasciano le reti e vanno con Lui: la loro vita diventerà un’av-ventura straordinaria e affascinante. Cari amici e amiche, il Signore chiama anche og-gi! Il Signore passa per le strade della nostra vita quotidiana. Anche oggi in questo momento, qui, il Signore passa per la piazza. Ci chiama ad andare con Lui, a lavorare con Lui per il Regno di Dio, nelle “Galilee” dei nostri tempi. Ognuno di voi pensi: il Signore passa oggi, il Signore mi guarda, mi sta guardando! Cosa mi dice il Signore? E se qualcuno di voi sente che il Signore gli dice “seguimi” sia coraggioso, vada con il Signore. Il Signore non delude mai. Sentite nel vostro cuore se il Signore vi chiama a seguirlo. Lasciamoci raggiungere dal suo sguardo, dalla sua voce, e seguiamolo! «Perché la gioia del Vangelo giunga sino ai confini della terra e nessuna periferia sia priva della sua luce» (ibid., 288).
(Papa FRANCESCO, ANGELUS, Piazza San Pietro, Domenica, 26 gennaio 2014)

La Parrocchia propone
– Oggi, domenica 2 febbraio, festa della presentazione del Signore, è anche la giornata
della vita: sul sagrato l’associazione La Tenda vende le primule e alle 16 c’è una breve
adorazione eucaristica per tutti, particolarmente per i bambini delle scuole materne
e per le famiglie che han fatto un battesimo l’anno scorso.
– Lunedì 3 febbraio, S. Biagio, dopo la messa c’è la benedizione della gola.
– Martedì 4 e giovedì 6 febbraio nell’ora di catechismo alle 16.45 è celebrata la messa.
Giovedì riprende anche il catechismo per le II elementari.
– Mercoledì 5 febbraio alle ore 14.30 si recita il rosario in cappellina.
– Mercoledì 5 febbraio in sala don Mansueto (S. Famiglia) alle 21 c’è la catechesi per
adulti: il presidente del Forum della Famiglia, Francesco Belletti, parlerà della famiglia
che educa.
– Sabato 8 febbraio, colletta del farmaco: vedi riquadro.
– Domenica prossima 9 febbraio è la giornata della solidarietà (vedi riquadro).
Inoltre dopo la messa delle 11.30 daremo a ragazzi e giovani le primule da portare
ai malati in preparazione alla giornata del malato (11 febbraio, Madonna di Lourdes:
vedi riquadro).
– Lunedì 10 febbraio inizia il corso per fidanzati: iscriversi presso i parroci.
– Dal 24 aprile al 2 maggio c’è il pellegrinaggio in Turchia: info sul pieghevole in atrio.

Caritas cittadina: Emergenza Banco di Solidarietà
Nel 2013 il Banco di Solidarietà ha offerto aiuto alle famiglie in difficoltà del nostro
territorio attraverso la distribuzione di 140 pacchi di alimenti ogni mese.
Gli alimenti provengono dal Banco Alimentare Nazionale, dalle raccolte che vengono
fatte nelle nostre comunità e dalla AGEA, agenzia che si occupava di lavorare le eccedenze
agricole della Comunità Europea. Da gennaio AGEA ha terminato la produzione;
viene così a mancare uno dei pilastri portanti.
Consapevoli dell’importanza del servizio svolto dal Banco di Solidarietà, stiamo cercando
soluzioni che ci permettano di continuare ad offrire questo servizio.
Chiediamo innanzitutto alle nostre comunità di continuare a contribuire attivamente
alle raccolte mensili.
Stiamo inoltre percorrendo la strada non semplice di recuperare dai supermercati
della zona le eccedenze che altrimenti andrebbero buttate.
Per fare questo serve la collaborazione di persone per recarsi a ritirare i prodotti
e/o gestire la ridistribuzione che deve essere fatta in tempi brevi.
Chiediamo a tutti coloro che hanno qualche ora da mettere a disposizione di segnalare
la propria disponibilità presso:
– le segreterie delle parrocchie negli orari di apertura,
– il Centro d’Ascolto (Centro Parrocchiale, p.za della Chiesa): negli orari di apertura
recandosi personalmente o telefonando al n. 340 5663622,
– telefonando a Laura: 349 4474253.
E’ un progetto ancora “in embrione” il cui disegno si andrà precisando quando sapremo
su quali e quante persone possiamo contare. Insieme possiamo farcela!

GIORNATA DELLA COLLETTA DEL FARMACO sabato 8 febbraio
Invitiamo a donare questi farmaci e a collaborare da volontari alla raccolta.
Per adesioni: link sotto riportati
o a Gabriella Verand Marzona 3476503036 – 023546685 – i7marzona@tiscali.it
Farmacia Comunale Matteotti, ore 8.30/12.30 – 15.00/19.00: http://doodle.com/wfmn94qkprtenzsc
Farmacia Comunale Metropoli, ore 9/13 – 15.30/19.30: http://doodle.com/bnhwx5zp2zc65wyt
Farmacia via Baranzate, ore 8.30 /12.30: http://doodle.com/p2dkrym66f36ewvz

GIORNATA DELLA SOLIDARIETÀ domenica 9 febbraio
Offerte per fondo diocesano di solidarietà e fondo diocesano famiglia-lavoro

GIORNATA DEL MALATO martedì 11 febbraio
domenica 9 febbraio pomeriggio: ragazzi e adolescenti portando un dono ai malati
martedì 11 febbraio: Madonna di Lourdes celebrazione cittadina in S. Carlo
ore 15 S. Rosario. ore 15.30 S. Messa con i malati e benedizione eucaristica (no messa 20.45)

 

Avvisi della settimana

03 febbraio

  Lunedì               S. Biagio

 

  Ore  08.30       S. Messa e benedizione gola

04 febbraio

  Martedì            

 

  Ore  16.45       S. Messa con i ragazzi

 

  Ore  20.45       S. Messa e Ufficio def. Antonio Panini, Paolo Nebuloni,                                   Emiliana Croci, Lina Suriano.
                          def. Pedale novatese

05 febbraio

  Mercoledì         S. Agata

 

  Ore  18.15       S. Messa e Ador. Euc (fino alle 19.30)
                                               def. Carotenuto Diana

06 febbraio

  Giovedì             S. Paolo Miki e compagni

 

  Ore  08.30       S. Messa           

 

  Ore  16.45       S. Messa con i ragazzi

07 febbraio

  Venerdì            S. Perpetua e Felicita

 

  Ore  18.15       S. Messa def. Reali Remo

08 febbraio

  Sabato             

 

  Ore  20.30       S. Messa  def. Angelo Ciurleo

09 febbraio

  Domenica       V dopo Epifania giornata della solidarietà

 

  Ore  09.30       S. Messa           

 

  Ore  11.30       S. Messa           

 

  Ore  15.30       Battesimo Vimercati Giacomo

 

  Ore  18.30       S. Messa  def. Piccione Gianfranco

This entry was posted in Archivio Eco di San Carlo. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post. Both comments and trackbacks are currently closed.